Platone in breve

Pubblicato Etichettato come Filosofia

Platone intendeva la #filosofia come ricerca di un sapere che avesse di mira la conoscenza dei principi atti a garantire la felicità intesa come vita buona ed esercizio della virtù. In #Platone il bene è superiore alle idee perché ne costituisce la condizione di esistenza e conoscibilità (nelle dottrine orali il riferimento al bene coincide con l’uno). In questo mito la realtà sensibile è rappresentata dalla #caverna, e quella intelligibile è la realtà esterna alla grotta dove si trova il sole, immagine del bene. Platone qui crea un’analogia con la condizione dei filosofi che vivono all’esterno della caverna dell’ignoranza, esterno dove volgono l’attenzione alla ricerca della verità attraverso lo sviluppo del pensiero astratto. Il #pensiero astratto è favorito dalla loro #educazione volta alla #ricerca della verità, la quale permette loro di intraprendere l’attività della #dialettica e qui definita nella dimensione #dialogica. Così, come l’uomo non può guardare direttamente l’eclissi di sole e deve servirsi di filtri, allora non potrà conoscere l’universale attraverso un’intuizione diretta ed è costretto a ricorrere al metodo indiretto dei #logoi.

Pubblicato
Etichettato come Filosofia